fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più leggi i dettagli.

News & Tutorial
Menu

Seguici anche su:

Lingua del sito

ItEnFrDePtRuEs

CERCA NEL SITO

Windows7 Funerale 14gennaio

Windows7 Funerale 14gennaio Logo14 gennaio 2020 la data annunciata da tempo per il funerale di Windows 7 è purtroppo arrivata

 

Sembra appena ieri il 2009 quando Windows 7 fece la sua comparsa.

Durante questi circa dieci anni trascorsi insieme Windows 7 si è evoluto e rafforzato tanto vero che molti Utenti hanno snobbato sistemi operativi come Windows Vista, a mio giudizio flop colossale, e i più nuovi Windows 8/8.1, però come per tutte le cose anche Windows 7 è giunto a fine corsa e da oggi 14 gennaio non riceverà più supporto e patch di sicurezza.

Ciò non significa che smetterà di funzionare, considerando anche che attualmente è installato ancora su oltre 400 milioni di PC nel mondo, ma diventerà vulnerabile agli attacchi di malintenzionati.

Potrà verificarsi che Internet Banking, pagamenti online o collegamenti con siti istituzionali non saranno più gestibili con Windows 7 per ovvi motivi di sicurezza.

Molte Aziende non rilasceranno più per i propri software aggiornamenti per Windows 7, Google ha garantito un supporto di ulteriori 18 mesi per Chrome, mentre Microsoft supporterà ancora Edge basato su Chromium per un periodo imprecisato.

Da oggi Windows 7 diventa ufficialmente vulnerabile, quindi la raccomandazione è di effettuare tutti gli aggiornamenti richiesti dai programmi antivirus che ancora supporteranno tale sistema operativo e di evitare tutte quelle operazioni che potrebbero esporre il computer Windows 7 a seri rischi, come per esempio operare con programmi che non riceveranno più aggiornamenti ufficiali.

Solo alcune tipologie di clienti aziendali che utilizzano Windows 7 versione Pro o Enterprise potranno usufruire di un’estensione fino a 3 anni degli aggiornamenti di sicurezza a fronte di un abbonamento annuale ovviamente a pagamento.

Per chi non l’avesse già fatto, quindi, è arrivato il momento di decidere se aggiornare a Windows 10 o passare ad un’altra piattaforma come Mac Os o Linux.

Il consiglio per chi è abituato a Windows 7 e dispone di un computer adeguato è quello di passare a Windows 10 che ha raggiunto ormai un discreto livello di affidabilità, inoltre Microsoft afferma che il 99% delle applicazioni presenti su Windows 7 sono compatibili con Windows 10.

A tal proposito, se vuoi passare a Windows 10 mantenendo dati e programmi, ti invito a leggere la guida pratica Come aggiornare Windows 7 a Windows 10 senza perdere dati e programmi.

 

Grazie Visita

 

 





Seguici anche sui Social



Lascia il tuo "Mi Piace"

———————————————————
———————————————————
———————————————————