fb bugia LOGOChe le bugie abbiano le gambe corte, la maxi multa inflitta dall’Antitrust UE a Facebook ne è la prova provata.

Certo, perché Mark Zuckerberg dovrà sborsare 110 milioni di euro a titolo di multa per sanare una controversia frutto delle sue bugie, o meglio, delle bugie dei suoi tecnici..

 

Facebook come Pinocchio.

I fatti risalgono al 2014, quando Facebook acquisì il sistema di messaggistica istantanea più diffuso Whatsapp. In quella fase, i tecnici di Zuckerberg affermarono che non era possibile incrociare i dati degli Utenti di Whatsapp con quelli di Facebook e che mai e poi mai avrebbero realizzato un tale incrocio.



Un esperto informatico sicuramente non avrebbe certamente creduto ad una simile affermazione, falsa già sul nascere. Beh, l’Antitrust UE si, la storiella se le bevuta anche quando su specifica richiesta, Facebook disse che tecnicamente non era possibile farlo.

fb bugia 001Nel 2016, invece, in fase di riorganizzazione dei termini di utilizzo, Facebook ha incrociato i propri Utenti con i numeri di Whatsapp, facendo collimare ad ogni Utente Whatsapp il profilo Facebook.

La cosa grave, che ha fatto scattare i nervi all'Antitrust e, quindi, la multa, è che già nel 2014, quando si è chiusa la trattativa per l’acquisizione di Whatsapp, i tecnici di Facebook erano consapevoli della fattibilità di questo incrocio di dati, mentendo spudoratamente all’Antitrust UE.

Mendacia curta semper habent crura”, come tutte le bugie, anche quella di Zuckerberg è arrivata allo Stop ed è una bugia che costa cara, 110 milioni di euro.

Il tuo MI PIACE è la nostra migliore pubblicità, consiglia TechPEDIA anche ai tuoi Amici