GUIDA TV LOGOCome vorrei che il mio televisore fosse sempre efficiente, non si rompesse mai e non diventasse mai obsoleto, perchè cambiarlo sarebbe una tragedia.

Già, perché oggi acquistare un televisore è un’impresa da scienziati. Entri in un punto vendita delle tante catene commerciali e ti trovi davanti a scaffali zeppi di televisori, alcuni sparsi anche di qua e di la per il negozio.

Osservi un 40” che costa circa 400€ ed un altro che ne costa 1000; chiedere un consiglio al commesso è una lama a doppio taglio, perché non sai se il consiglio e sincero o ispirato da politiche commerciali dettate dall’alto, tipo puntare su alcuni modelli.

Leggi i tipici cartellini con le caratteristiche e ti rendi conto che non ci capisci un “tubo catodico”, quindi dopo aver raccolto un po’ di notizie, ho pensato di approntare una breve guida, senza pretese, che contribuisca a chiarire un poco le idee, per aiutarti nella scelta del tuo nuov televisore… almeno ci provo.

Non mi riferirò a nessun marchio in particolare e non scenderò in dettagli puramente tecnici con formule e teoremi, altrimenti la guida non sortirà l’effetto voluto.

TIPOLOGIA SCHERMO

Iniziamo a capire le differenze tra schermi LCD, LED e OLED e i loro principi di funzionamento.

GUIDA TV 035LCD – Questo tipo di schermo è indubbiamente il più diffuso ed ha sostituito il vecchio schermo CRT. Esso è formato da diversi strati. Tra due strati è racchiusa una particolare sostanza chiamata “Cristallo Liquido” che ha delle proprietà ottiche particolari e riesce ad assumere posizioni capaci di bloccare la luce o lasciarla passare.

Con un po’ di fantasia, provate ad immaginare la facciata di un enorme grattacielo tutto pieno di finestre, le luci accese nelle stanze e le tapparelle abbassate. Dall’esterno vedremo una facciata tutta nera, mentre alzando qualche tapparella vedremo una serie di fonti luminose, chi meno e chi più, secondo l’apertura delle tapparelle. Bene le tapparelle si comportano come i “Cristalli Liquidi”. 

Per lo schermo LCD a colori, ogni punto di luce dello schermo LCD, comunemente chiamato pixel, è frazionato in tre parti, una emette luce rossa (RED), un’altra luce Verde (GREEN) e l’altra luce Blu (BLU), da qui la sigla RGB. La modulazione e miscelazione di questi tre colori permette ad ogni pixel di assumere una vasta gamma di colori. Ritornando all’esempio del grattacielo, è come se ad ogni finestra vi fossero tre tapparelle, una per ogni colore RGB. La retroilluminazione dello schermo LCD, cioè le luci nelle stanze, viene fatta da lampade fluorescenti poste lungo i bordi dello schermo stesso.

GUIDA TV 013LED – Lo schermo LED sarebbe più corretto chiamarlo Schermo LCD ad illuminazione LED, perché praticamente il funzionamento è lo stesso dello schermo LCD, solo che la retroilluminazione è data da una serie di Led.

 

 

 

 

GUIDA TV 010OLED – Anche se questa sigla potrebbe trarre in inganno facendo presupporre un’evoluzione dello Schermo LED, gli Schermi OLED non hanno nulla a che fare con quelli LCD e LED, perché adottano una tecnologia totalmente diversa. Non ha retroilluminazione ed è formato da diversi strati, su uno dei quali vengono disposti tanti punti di luce che si illuminano con intensità e colori indipendenti l’uno dall’altro. Praticamente ogni puntino di luce o pixel e formato da tre led, uno a luce RED, uno a luce GREEN e l’altro a luce BLU, quindi con la modulazione e miscelazione della luce colorata emessa dai tre led, ogni pixel potrà assumere una vasta gamma di colori e di sfumature. Alcuni produttori aggiungono un quarto led solo per la luce BIANCA per avere un colore bianco eccellente.

Ometto gli Schermi al Plasma, perché non hanno avuto una grande diffusione ed è una particolare tecnologia utilizzata per schermi di grandi dimensioni.

Una volta descritto sommariamente i principi di funzionamento dei tre schermi, passiamo ad analizzarne le differenze:

  • Un televisore LED rispetto al tradizionale televisore LCD, a parità di dimensioni, consente un risparmio energetico.
  • Un televisore LED, vista la dimensione dei led, riesce ad avere uno spessore più sottile.
  • Un televisore LED è molto più luminoso rispetto ad un televisore LCD, quindi si riesce a vedere anche in ambienti illuminati.
  • Un televisore LED o LCD non riuscirà mai a riprodurre un vero colore Nero, ma il Nero è molto simile ad un GRIGIO scuro, questo perché anche se tutti i Cristalli Liquidi sono chiusi bloccando la luce, un bagliore sempre trapela.
  • Il televisore OLED rappresenta il futuro, riesce a riprodurre un Nero quasi perfetto, perché non essendo retroilluminato, lo spegnimento di tutti i pixel determina un Nero eccellente.
  • Il televisore OLED ha una definizione dell’immagine più realistica e dettagliata
  • Il televisore OLED ha un angolo di visuale maggiore rispetto ai tradizionali LED o LCD, riusciamo a vederlo anche stando a lato.
  • Con la tecnologia OLED riusciamo ad avere televisori di grandi formati, anche oltre i 100”, curvi e con spessori di pochi millimetri.

 

DIMENSIONI

GUIDA TV 004La dimensione di un televisore si misura in Pollici. Ogni pollice è 2,54 cm ed è la misura della diagonale dello schermo.

La dimensione di una TV dovrebbe essere adeguata alla grandezza della stanza e principalmente dalla distanza di visione.

Inutile comprare un 48” se poi lo guardo a circa un metro di distanza?

 

 

 

RISOLUZIONE

Esaminiamo ora  quelli che sono gli standard FULL HD e ULTRA HD o 4k, dove HD sta per High Definition. Queste sigle indicano la risoluzione video, cioè il numero di pixel presenti sullo schermo. Ricordate i puntini di luce distribuiti sugli schermi?

Parlo ovviamente di TV con aspect ratio 178,1 ovvero formato 16:9 ovvero aka widescreen.

GUIDA TV 023FULL HD - Un televisore Full HD o 1080p ha una risoluzione di 1920 x 1080, cioè ha 1920 pixel per ogni linea orizzontale e 1080 per ogni linea verticale. Sullo schermo di ogni TV Full HD sono presenti più di 2.000.000 di pixel.

Questa risoluzione si identifica anche semplicemente con 1080p facendo riferimento al numero dei pixel presenti su una singola linea verticale.

 

GUIDA TV 026ULTRA HD - Un televisore Ultra HD o 4k ha una risoluzione di 3840 x 2160, cioè ha 3840 pixel per ogni linea orizzontale e 2160 per ogni linea verticale. Sullo schermo di ogni TV Ultra HD sono presenti più di 8.000.000 di pixel.

Sarebbe più corretto identificarli con 2160p invece di 4k, perché il 4k è uno standard per il cinema digitale che prevede una risoluzione di 4096 pixel su una linea orizzontale, però fra 3840 e 4096 il passo è breve.

Facilmente si può dedurre che su un televisore 48” Ultra HD, l’immagine è molto più nitida e definita rispetto ad un televisore dello stesso formato Full HD. Questo perché la densità dei pixel è maggiore, cioè per comporre una stessa immagine l’Ultra HD utilizzerà circa il quadruplo dei pixel rispetto al Full HD.

 HERTZ

GUIDA TV 025

 

Altra caratteristica importante di un televisore digitale è la frequenza di aggiornamento, cioè gli Hertz, infatti spesso leggiamo 200 Hertz, 100 Hertz, 80 Hertz o altro valore.

Per alcune immagini in movimento si potrebbe generare un effetto scia, specialmente con i videogame. Bene, senza calarmi nel tecnico, più il valore degli Hertz sarà alto, più l’immagine sarà stabile e l’effetto scia ridotto.

Come esempio guarda la seguenti immagini campione:

GUIDA TV 029GUIDA TV 030
HDR

GUIDA TV 017High Dynamic Range è una particolare caratteristica che non tutti i televisori digitali hanno, ma che ha la sua importanza.

In origine HDR era un sistema adottato nella fotografia digitale. Scattando una foto con HDR, la macchina fotografica automaticamente scatta diversi fotogrammi con diverse esposizioni, poi con particolari processi di sovrapposizione e di elaborazione dei fotogrammi stessi, ricava la foto finale. Questo procedimento contribuisce ad avere un’immagine più realistica, catturando sfumature, contrasti e particolari non riproducibili con un normale scatto.

Televisori che supportano questa caratteristica sono in grado di autoregolare l’illuminazione di ogni singolo pixel dando così una sensazione di profondità all’immagine stessa, mettendo in risalto sfumature, riflessi, contrasti ed ogni altro elemento utile a rendere l’immagine più realistica.

GUIDA TV 020
Se hai uno Smartphone non troppo vecchio, controlla nelle opzioni della macchina fotografica se hai HDR. Se c’è, prova a scattare una stessa foto con e senza HDR, noterai senz’altro la differenza, specialmente su di uno schermo più grande.

ULTRA HD PREMIUM

GUIDA TV 039Esistono delle organizzazioni riconosciute a livello mondiale che stabiliscono le linee guida per unt televisore Full HD o Ultra HD alle quali i produttori devono attenersi per ottenerne la Certificazione.

La UHD Alliance, organizzazione formata da costruttori, ricercatori, produttori di programmi, emittenti televisive, ecc., ha rilasciato il marchio Ultra HD Premium, un "pacchetto di caratteristiche" che vengono applicate a televisori di una certa importanza, esso comprende la risoluzione Ultra HD, lo HDR e altre caratteristiche che riguardano anche la riproduzione dell'audio.

SMART

GUIDA TV 037Leggiamo spesso Smart TV, ma cos’è?

Il termine Smart è un termine inglese che significa Intelligente, quindi una Smart TV dovrebbe essere una TV Intelligente?

Beh, questo proprio non lo so, però di certo so che la Smart TV è un televisore dotato di porta LAN e/o WIFI per collegarsi attraverso un router ad Internet, per navigare sui siti, interagire con i canali TV, vedere film in streaming, controllare la Posta Elettronica e tant’altro.

DECODER

GUIDA TV 032Un altro aspetto da considerare è la tecnologia del decoder. Il sistema DVB-T non è più prodotto ed era consentita la vendita di TV con DVB-T fino al 31 dicembre 2016, ora la nuova tecnologia è DVB-T2.

Per quanto riguarda l’aspetto definizione, con la codifica HEVC H.265 potremo ricevere segnali Ultra HD (4k) a differenza delle codifiche oggi utilizzate SD MPEG-2 e HD MPEG-4 H.264 (2k).

 

 Ricapitolando, quando acquisti un TV Color Digitale, tieni presente questa tabella e valutane le caratteristiche:

Schermo OLED è migliore di LED, specialmente per schermi di grosse dimensioni, ma i LED non sono da buttare 
Dimensioni misure adeguate alla distanza di visione
Risoluzione          
Ultra HD è migliore di Full HD ed è il futuro
Hertz Più alto è il valore della frequenza di aggiornamento, più stabile sarà l’immagine con riduzione dell'effetto scia
HDR Facoltativo, prevederlo se è possibile
SMART Ormai sono quasi tutte Smart TV
Decoder DVB-T2, se ha DVB-T è un vecchio modello
Codifica 
HEVC H.265 necessario per ricevere segnali Ultra HD (4k)

Una guida a parte la meriterebbero i telecomandi che sono diventati delle vere plance di comando, ormai la TV va pilotata per poterla guardare

Il tuo MI PIACE è la nostra migliore pubblicità, consiglia TechPEDIA anche ai tuoi Amici